8 marzo, Rosanna Pandolfi sollecita la costituzione della Commissione delle elette in Consiglio comunale

Rosanna PandolfiLa donna protagonista e soggetto attivo, a partire dal Consiglio comunale di Ispica, dove per la prima volta le elette sono un quinto del consesso. E’ concreta la proposta avanzata dalla nostra vice segretaria Rosanna Pandolfi, avanzata con l’approssimarsi della Festa della donna. Pandolfi sollecita il Consiglio comunale a costituire la “Commissione delle elette”, prevista dall’articolo 53 dello Statuto comunale.
“Sono convinta – dichiara la dirigente dem in una nota per la stampa – che le migliori commemorazioni della Festa della donna siano quelle basate sulla concretezza. Ecco perché mi preme, in quanto donna e vice segretario del circolo Kennedy del Pd di Ispica, sollecitare la costituzione formale della “Commissione delle elette” prevista dallo Statuto del Comune di Ispica. Grazie alla legge elettorale che impone le pari opportunità di genere, per la prima volta in Consiglio comunale c’è una presenza massiccia di donne (quattro su venti) che voglio ricordare una per una: Stefania Rosa del Pd, Matilde Sessa e Lina Sudano di “Libertà e Buongoverno”, Francesca Marina di “Ispica, Punto a capo”. E c’è anche Angela Gianì, assessora comunale, eletta in Consiglio, che optò per l’incarico in Giunta. La “Commissione delle elette” è costituita appunto dalle elette in Consiglio e andrebbe ad occuparsi di questioni attinenti le pari opportunità, avvalendosi anche della collaborazione di associazioni di donne, movimenti rappresentativi delle realtà sociali, culturali, produttive, sindacali e così via, avanzando proposte ed osservazioni e snellendo anche l’attività dell’Amministrazione che potrà consultarla sugli atti da proporre al Consiglio comunale che riguardano la popolazione femminile. Per renderla operativa occorre soltanto che il Consiglio comunale approvi un piccolo Regolamento. Preciso infine che la nuova Commissione non comporterebbe spese in più per il Comune”.

Di seguito l’articolo 53 dello Statuto del Comune di Ispica che prevedere la “Commissione delle elette”

Commissione delle Elette

1. Il Comune riconosce il ruolo della donna come fondamentale nella crescita sociale. Al fine di meglio promuovere e programmare politiche rivolte al conseguimento di pari opportunità tra donne e uomini è istituita la Commissione delle Elette.
2. La Commissione è composta dalle Elette del Consiglio.
3. La Commissione formula al Consiglio proposte e osservazioni su ogni questione che possano avere attinenza con la condizione femminile e che possano essere sviluppate in politiche di pari opportunità. A tal fine può avvalersi del contributo di associazioni di donne, di movimenti rappresentativi delle realtà sociali, culturali, lavorative, sindacali e imprenditoriali, nonché di esperte di accertata competenza e/o esperienza professionale in materia di condizione femminile.
4. La Giunta comunale può consultare preventivamente la Commissione sugli atti di indirizzo da proporre al Consiglio in merito ad azioni particolarmente rivolte alla popolazione femminile.
5. La Commissione dura in carica per l’intero mandato ed al termine dello stesso redige una relazione conclusiva sulle attività svolte.
6. La Commissione si avvale delle strutture esistenti nel Comune.
7. L’apposito regolamento previsto dal Consiglio Comunale disciplina le modalità di funzionamento della Commissione.
8. Il Consiglio Comunale stabilisce annualmente in bilancio i fondi da assegnare per il funzionamento e le iniziative della Commissione, il cui utilizzo avverrà con le modalità prescritte dal regolamento comunale di contabilità.