Entro il 31 luglio una firma per abbattere i privilegi della casta

Scade il trenta luglio il Referendum abrogativo parziale sulla legge per le indennità parlamentari (Art. 2, Legge del 31 ottobre 1965, n. 1261). Alzino la mano coloro i quali erano informati del fatto che, presso i Comuni, fosse possibile firmare per tale, atteso Referendum. Ben pochi, si suppone. Diversi giornalisti iblei sono stati informati da Salvatore Brancati, un noto fotografo ispicese, contattato dalla giornalista Alessandra Pezzino che sta inviando centinaia di email per informare sulla presumibile, pilotata disinformazione. Lei stessa se n’è accorta per caso, recandosi al Comune di Soave, trovando una gradita, ma non pubblicizzata sorpresa: la possibilità di abbattere i privilegi della casta apponendo una semplice firma in calce allo scottante documento; di firme, però, ce ne vogliono 500 mila per far passare il referendum e il tempo stringe. Continua a leggere