“Il Pdl si comporta come chi uccide i genitori e poi chiede aiuto per essere rimasto orfano”

Gianni StornelloL’ultimo numero di Pensare il Domani, periodico vicino al Pd cittadino, provoca la reazione del Pdl che vede segni di contraddizione fra i contenuti del giornale, diretto da Gianni Stornello, e le posizioni del Partito democratico di cui lo stesso Stornello è segretario.

“Che i dirigenti del Pdl di Ispica – dichiara il segretario del Pd cittadino – non sappiano come funziona un giornale, anche piccolo piccolo come Pensare il Domani, è normale. Ma che utilizzino strumentalmente e in mala fede affermazioni altrui e facciano i conigli scappando dalle loro responsabilità è, come dire, politicamente non corretto. In un giornale il direttore condivide tutti gli articoli. A maggior ragione quelli che lui personalmente chiede per approfondire un argomento. Ho chiesto a Laura Incremona – precisa Stornello – un contributo che parlasse dell’esperienza di Comiso in dissesto, l’ho condiviso e l’ho pubblicato. Non è un caso che il direttore responsabile di Pensare il Domani sia anche segretario del Pd. Chi dovrei smentire? Il punto è un altro. Il Pdl si comporta come se il dissesto sia colpa del Pd. Ecco la mala fede. Non è che negli ultimi otto anni, ripeto otto anni, il sindaco e gli assessori sono stati del Pd, la maggioranza consiliare prona agli interessi del sindaco è stata del Pd, né fanno capo al Pd i conflitti di interesse che ruotano attorno agli espropri dei terreni che del dissesto sono la concausa. Per otto anni ci sono stati loro. Continua a leggere

Video marcia silenziosa per la Legalità Ispica

Abbiamo tenuto mecoledì 23 maggio la Marcia silenziosa per la legalità, organizzata dal Partito Democratico e dai Giovani Democratici di Ispica in occasione del ventesimo anniversario della strage mafiosa di Capaci, nella quale persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e i tre agenti di scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo. Hanno aderito al nostro invito l’Amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Rustico e da tutti gli assessori, diversi partiti politici, la Cgil, la Cna. Presente anche l’on. Roberto Ammatuna, deputato regionale del Pd. Abbiamo attraversato tutto corso Umberto, concludendo il nostro percorso davanti alla stele dedicata alle vittime della mafia dove ho deposto un mazzo di fiori. Saremmo stati più soddisfatti se avessero partecipato in numero maggiore i giovani, i singoli, la città. Sapevamo già, comunque, che ad Ispica è ultimamente caduta la tensione attorno ai grandi temi perché è in crisi la politica, mancano momenti di dibattito, di condivisione, di mobilitazione. E’ positivo che abbiano aderito le istituzioni locali e diverse organizzazioni a livello collettivo. Il Pd deve ritenersi impegnato a fare la propria parte per avviare un’opera di sensibilizzazione e dare fiducia alla politica, in un momento in cui è molto difficile riscuoterla. Quella di ieri, nella sua semplicità, è stata la prima iniziativa di una serie che vogliamo lanciare in questa direzione. Grazie a tutti quelli che hanno partecipato con sincero e spontaneo spirito civico.