Zingaretti fa il pieno ad Ispica: 83,81% con un’affluenza straordinaria

Il neo-segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, fa il pieno ad Ispica, dove riscuote l’83,81% fra i 247 votanti alle Primarie di quest’anno. Anche l’affluenza ad Ispica fa registrare numeri importanti, se si considera che alle Primarie del 2017 avevano votato 180 persone.

Questo il dettaglio.

Nicola Zingaretti    207 voti (83,81%)

Roberto Giachetti    25 voti (10,12%)

Maurizio Martina      15 voti  (6,07%)

Un sentito ringraziamento da parte del Partito democratico di Ispica ai 247 votanti, a quanti non hanno potuto votare perché arrivati al seggio oltre l’orario di chiusura e ai volontari, ai giovani, ai militanti che hanno impiegato la giornata domenicale per fare sì che le Primarie si svolgessero nel migliore dei modi.

Domenica 3 marzo le Primarie del Partito democratico. Ad Ispica si vota al Circolo Kennedy dalle 8 alle 20

Si svolgeranno in tutta Italia domenica 3 marzo le Primarie del Partito democratico per eleggere il segretario nazionale del partito fra i tre candidati Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti. Ad Ispica il seggio sarà allestito nella sede del Circolo del Pd “Kennedy”, in via Mazzini, 34, angolo via Duca degli Abruzzi. Se il tempo lo consentirà si potrà votare davanti al circolo, all’aperto. In ogni caso non ci saranno problemi per i portatori di handicap che potranno esprimere il proprio voto senza imbattersi in barriere architettoniche.

Possono votare tutti, trattandosi di Primarie aperte. Si vota dalle 8 alle 20 ininterrottamente e basta presentarsi al seggio con un documento di identità.

Per informazioni chiamare il 3387076745 o scrivere a pd.kennedy.ispica@gmail.com  

 

Al via la riqualificazione del Parco Forza, progetto sostenuto dal Pd e dall’on. Nello Dipasquale. Ecco in cosa consisterà

Mercoledì 27 febbraio alle 11,30 saranno consegnati i lavori di riqualificazione e valorizzazione funzionale del Parco archeologico regionale della Forza. Si tratta di un intervento notevole per un impiego di 2milioni 224mila euro di fondi comunitari nell’ambito del PON “Cultura e sviluppo” FESR 2014-2020. Il progetto, avviato dalla Soprintendenza ai Beni culturali di Ragusa, è stato seguito sin dai suoi primi passi dall’on. Nello Dipasquale, trattandosi di un intervento pienamente condiviso dal Pd e dall’Amministrazione comunale di Ispica per il rilancio del Parco Forza.

Previsti il rifacimento dei percorsi, la ricostruzione della tettoia del palazzo Marchionale, per consentirne una maggiore protezione, la costruzione di un nuovo locale per l’accoglienza dei visitatori, più confortevole anche per il personale addetto, la ristrutturazione dell’Antiquarium, la realizzazione di un palchetto mobile per migliorare la fruizione del teatro incavato sulla roccia, l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche, la disponibilità di una video-descrizione in alta definizione del Centoscale, visto che è impossibile entrarvi per motivi di sicurezza, la realizzazione dell’illuminazione, al fine di rendere fruibile il parco anche nelle ore serali, il rifacimento della recinzione.

Con questi interventi il Parco Forza avrà una fruibilità decisamente diversa a tutto vantaggio dei visitatori e di chi vi lavora.

Il Partito democratico, nell’esprimere massima soddisfazione per questo importante traguardo raggiunto, frutto di anni di attenzioni costanti e di lavoro, ringrazia la Soprintendenza ai Beni culturali, con in testa il soprintendente, l’architetto Calogero Rizzuto, e il dottor Giovanni Di Stefano, direttore del Polo museale della provincia di Ragusa, di cui il parco Forza fa parte.

I lavori dureranno cinque mesi, dal primo marzo al 31 luglio. Alla riapertura Ispica e tutto il sistema culturale ed archeologico della provincia avranno un’offerta rivolta a turisti, studiosi ed appassionati più qualificata e sicuramente di grande richiamo.

Primarie del 3 marzo, possono votare anche fuori sede, giovani fra i 16 e i 18 anni, cittadini stranieri. Ecco come

Parte la macchina delle Primarie del 3 marzo, per la scelta del nuovo segretario del Pd fra Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti. Fra le tante cose da ricordare c’è quella che possono votare anche

  • studenti, lavoratori ed elettori fuori sede;
  • i giovani di età compresa tra i 16 e i 18 anni non compiuti;
  • i cittadini comunitari non italiani ed extracomunitari in possesso di carta d’identità o del permesso di soggiorno o della ricevuta di richiesta del rinnovo del permesso di soggiorno.

Oltre a dichiarare di essere elettori del Partito democratico, queste persone dovranno obbligatoriamente effettuare la registrazione on-line entro e non oltre le ore 12.00 del 23 febbraio 2019 sul sito internet www.partitodemocratico.it, nell’apposita sezione “Congresso 2019”. Dovranno indicare il proprio nome e cognome, data e luogo di nascita, indirizzo di residenza, estremi di un documento di riconoscimento, e-mail e numero di cellulare, in quale regione, provincia e comune intendono recarsi a votare e, nel caso dei fuori sede, il relativo domicilio temporaneo.

L’elenco degli elettori pre-registrati sarà inviato, a cura dell’organizzazione nazionale, alla Commissione provinciale per il Congresso che avrà l’onere di predisporre un elenco separato degli stessi elettori pre-registrati, con i relativi dati anagrafici e a comunicare agli interessati in quale seggio dovranno recarsi a votare.

Ricordiamo che ad Ispica il seggio sarà allestito nella sede del Circolo Kennedy del Partito democratico, in via Mazzini, 34.

Per ulteriori informazioni si può scrivere a pd.kennedy.ispica@gmail.com o telefonare al 338 7076745.

Il 6 febbraio “Giornata del Tesseramento”. Partecipano i candidati alle politiche Giuca, Furnari e D’Asta

Martedì 6 febbraio Giornata del Tesseramento al Pd organizzata dal Circolo Kennedy del Partito democratico di Ispica. Alle 19, nella sede di via Mazzini 34, sarà possibile rinnovare la tessera o richiederla per la prima volta. All’incontro parteciperanno degli ospiti di eccezione: i candidati del centro-sinistra alle Politiche del 4 marzo nei collegi uninominali della Camera e del Senato, rispettivamente Giovanni Giuca e Alessandra Furnari, e il candidato nella lista del Partito democratico alla Camera Mario D’Asta, presidente provinciale del Pd di Ragusa.

“Un tesseramento trasparente – dichiara la segretaria del Circolo Kennedy, Rosanna Pandolfi – crediamo sia alla base di un corretto rapporto fra militanti e partito. Il Pd è l’unico che ancora resiste alla tentazione di affidarsi completamente alla rete: vogliamo continuare ad avere con la base un rapporto diretto, manteniamo una sede grazie ai contributi volontari degli iscritti e dei dirigenti, che ringrazio, perché ci consentono di essere visibili e di avere una struttura che molto spesso mettiamo a disposizione per incontri della società civile, ci sforziamo di elaborare proposte per l’amministrazione della città, frutto dei suggerimenti dei cittadini e di dibattito al nostro interno. Di tutto questo – prosegue la segretaria democratica – il tesseramento rappresenta il momento più importante: chiediamo l’adesione al Pd per partecipare alla vita politica e non delegare, per dare voce ad un partito e in particolare a un circolo pd che si caratterizza per la libertà delle scelte, che non è una parte di apparato, che si batte per l’unità delle forze progressiste anche in ambito cittadino, restando sempre in ascolto delle esigenze e dei bisogni della città.

La “Giornata del Tesseramento” sarà anche un’occasione di presentazione dei nostri candidati alle Politiche del 4 marzo: l’avvocato Giovanni Giuca, ex sindaco di Rosolini, candidato nel collegio uninominale della Camera, l’avvocata Alessandra Furnari, dirigente del Partito democratico di Siracusa, candidata nel collegio uninominale del Senato e il dottor Mario D’Asta, medico e presidente provinciale del Pd, candidato nella lista plurinominale della Camera. Sarà l’opportunità per la base di approfittare della loro affabilità per conoscerli direttamente. Aspettiamo i compagni e gli amici del Partito democratico martedì 6 febbraio alle 19 nella sede del Circolo Kennedy”.

Completamento di Palazzo Bruno e finanziamento degli esuberi di personale, determinanti l’impegno e il ruolo del Pd

Il finanziamento di un milione 850mila euro per il completamento del restauro di Palazzo Bruno e il contributo regionale complessivo di circa 3milioni 500mila euro in quattro anni che eviteranno la messa in disponibilità di 36 dipendenti comunali sono i segni evidenti di come il Partito democratico è impegnato a sostenere le istanze che provengono dal territorio, con un flusso di risorse mai visto ad Ispica negli ultimi decenni. Ad intervenire sui due temi che hanno caratterizzato il dibattito politico degli ultimi giorni dell’anno in città è la segretaria del Circolo “Kennedy” del Partito democratico di Ispica, Rosanna Pandolfi.

“E’ stato il governo nazionale guidato e sostenuto dal Pd – afferma la segretaria dem – a rendere disponibili le risorse nell’ambito del progetto “Bellezza” e sono stati il lavoro e la perseveranza nel seguire l’iniziativa del nostro gruppo dirigente locale e del sottosegretario Davide Faraone a far sì che la segnalazione lungimirante dell’Amministrazione comunale riguardante Palazzo Bruno potesse andare avanti e potesse essere considerata meritevole dell’attribuzione del finanziamento. Con l’impiego di queste risorse, la nostra sede municipale, riconosciuta come pregevole gioiello del liberty minore, potrà essere completata nelle sue parti ancora non agibili (come tutto il piano terra) e destinata ad accogliere gli uffici comunali, con il vantaggio di eliminare i costosi affitti di locali privati e di accentrare molti servizi nella prestigiosa e più funzionale sede principale. Potranno essere completati anche gli impianti tecnologici, come la climatizzazione estiva ed invernale in tutto il Palazzo, aula consiliare compresa.

E’ grazie alla stessa sinergia che è stato possibile – prosegue Rosanna Pandolfi – risolvere il problema del finanziamento degli esuberi di personale da parte della Regione: se da un lato infatti bisogna dare atto che la collaborazione istituzionale fra Comune di Ispica e Regione, al di là delle coloriture politiche e delle appartenente dei rappresentanti dell’uno e dell’altra, ha fatto sì che in tempi celeri, ad Assemblea regionale appena insediata, si facessero le variazioni di bilancio per consentire l’immediata disponibilità delle risorse occorrenti per evitare che i dipendenti comunali in esubero fossero licenziati, dall’altro occorre ricordare che la norma che rende possibile l’intervento finanziario della Regione risale al 2016 ed è il frutto di una collaborazione strettissima fra l’on. Nello Dipasquale, deputato regionale del Partito democratico e “padre” della norma, e l’Amministrazione comunale di Ispica: senza questa collaborazione e senza l’iniziativa parlamentare di Nello Dipasquale di allora, ad Ispica e negli altri comuni siciliani in dissesto il personale in esubero sarebbe stato licenziato da oltre un anno ed oggi non se ne parlerebbe più. Chi oggi dice che il Pd si è astenuto, quasi ad adombrare un disinteresse del Partito democratico sulla questione, ignora il fatto che le variazioni di bilancio sono un atto politico e che quindi andavano votate dalla maggioranza di centro-destra che aveva i numeri per poterlo fare.

Il ruolo e l’impegno del Partito democratico a sostegno delle comunità che amministra è sotto gli occhi di tutti. Ai cittadini interessano i fatti con la soluzione dei problemi e non le polemiche, spesso strumentali. E il Pd sta dimostrando con i fatti di essere all’altezza delle sfide difficilissime che regge ai vari livelli”.

L’on. Nello Dipasquale al Circolo Kennedy del Partito democratico

Visita al Partito democratico di Ispica dell’on. Nello Dipasquale. Dopo la riconferma all’Assemblea regionale siciliana, il parlamentare ha subito accolto l’invito del nostro circolo a commentare i risultati e preparare il lavoro politico per i prossimi mesi. Ad accogliere l’on. Dipasquale la segretaria Rosanna Pandolfi, il vice segretario Roberto Luca, il capogruppo del Pd in Consiglio comunale Gianni Stornello e numerosi aderenti e amici del circolo democratico. Oltre alla soddisfazione generale, dall’incontro sono emersi diversi punti importanti che vanno dalla consapevolezza della responsabilità dell’on. Dipasquale nei confronti di tutto il partito, dei sindaci e delle amministrazioni comunali nei quali il Pd riveste ruolo di governo ad aspetti più propriamente politici, come quello legato al fatto che il nuovo gruppo parlamentare del Pd all’ARS esprime il cambiamento che sta interessando il Partito democratico, cambiamento che dovrà anche proiettarsi sul partito in provincia di Ragusa e sulle realtà cittadine. A tal proposito è stata sottolineata l’importanza della presenza del “Kennedy” nella realtà politica ispicese, come espressione della pluralità di voci e di sensibilità politiche e culturali tipica del Partito democratico. Massima la prosecuzione nell’impegno assicurata dall’on. Dipasquale nel seguire i problemi amministrativi di Ispica per i quali è decisivo il ruolo della Regione: al riguardo non mancherà lo stimolo del circolo nell’interesse della collettività.
L’incontro è stato concluso dall’immancabile brindisi.

Il Circolo “Kennedy” del Pd dissente sulla mancata costituzione del Comune parte civile al processo sui presunti bilanci falsi

Rosanna PandolfiLa decisione della Giunta, confortata dalla maggior parte dei consiglieri di maggioranza, di non costituirsi parte civile ci trova in netto dissenso”, afferma la segretaria del circolo Rosanna Pandolfi in un comunicato diffuso oggi. “Eravamo e restiamo dell’idea – prosegue – che una decisione simile sia contraddittoria per una coalizione che intende rappresentare un cambiamento, una pagina, una “storia” nuova in città, dopo gli anni negativi del centro-destra. Costituirsi parte civile non sarebbe stata una condanna preventiva, ma un atto dovuto di affidamento ai giudici determinato dal fatto che il Comune di Ispica è considerato dai magistrati “parte offesa” e che avrebbe consentito al Comune di fare le debite differenze fra gli imputati, non tutti responsabili allo stesso modo. Dobbiamo prendere atto – continua la segretaria del Circolo Pd “Kennedy” – che la coalizione ha sottovalutato i riflessi politici di questa decisione, che ha ingenerato delusione in molti suoi sostenitori, soprattutto in quelli del Partito democratico. E’ singolare peraltro che i due circoli cittadini si siano espressi per la costituzione del Comune parte civile, mentre buona parte dei rappresentanti istituzionali del Pd abbia deciso diversamente. Non è convincente al riguardo l’affermazione di chiedere i risarcimenti ad eventuale condanna avvenuta: sia pure possibile tecnicamente, dal punto di vista politico è innegabile che siamo di fronte ad una rinuncia a evidenziare la differenza col passato.
Per quanto ci riguarda abbiamo l’esigenza di definire i rapporti fra il partito e i suoi rappresentanti nelle istituzioni e di marcare con chiarezza il profilo di cambiamento del Partito democratico in una coalizione eterogenea nella quale convivono forze politiche e civiche che hanno sensibilità diverse”.