Giovanni Tringali e Rosanna Pandolfi alla guida del nostro circolo

Assemblea Pd Kennedy  Ispica

E’ Giovanni Tringali il primo segretario del Circolo del Partito Democratico “J. F. Kennedy”. Lo ha eletto all’unanimità l’Assemblea congressuale del circolo, nato dall’impegno e dall’entusiasmo di tante persone, che hanno deciso di imprimere un cambiamento vero alle dinamiche politiche e amministrative di Ispica. Nel corso della stessa assemblea, tenuta lunedì sera in un locale cittadino, Tringali ha nominato vice-segretario Rosanna Pandolfi e tesoriere Pietro Caruso Junior. Giovanni Tringali guiderà la direzione del Circolo, che sarà formata, oltreché da lui stesso, da Gianni Stornello, Pietro Aprile, Evelin Floriddia (membri di diritto), Rosanna Pandolfi, Pietro Caruso Jr, Roberto Luca, Corrado Borgia, Mavì Rabbito, Rosaria Gennaro e Bianca Brancati. Viene così rispettata la parità di genere per l’organismo direttivo, che lo stesso Tringali ritiene rafforzato proprio dalla presenza di una forte e motivata componente femminile.

L’argomento dell’Assemblea è stato “La città che vogliamo”. A presiederla Giovanni Denaro, segretario provinciale del PD, che ha coordinato i lavori insieme a Giovanni Tringali, il quale ha aperto l’assemblea ricordando le tappe che hanno portato alla costituzione del nuovo organismo politico. Sono intervenuti Gianni Stornello, consigliere comunale del PD, che ha sottolineato la novità del progetto politico incarnato dal “Kennedy” e l’importanza delle sfide che attendono l’amministrazione comunale. Giuseppe Roccuzzo, presidente del Consiglio comunale ha descritto il rinnovamento politico che è in atto a Ispica e il cambio di rotta nella gestione del Consiglio comunale attraverso la diretta radio delle sedute consiliari, importante segnale di trasparenza e di spinta alla partecipazione. Pierenzo Muraglie, Sindaco di Ispica, ha dal canto suo elencato i provvedimenti attuati nei primi sei mesi di mandato: dall’abbattimento della tassa sull’occupazione del suolo pubblico fino alla riorganizzazione degli spazi cimiteriali e allo Sportello unico dell’edilizia, sottolineando la fattiva collaborazione tra il Circolo “Kennedy” e l’Amministrazione comunale. L’on. Nello Dipasquale, deputato all’ ARS, ha concluso la parte politica dell’Assemblea, ricordando ai presenti l’importanza dei circoli, strumento di contaminazione tra persone e visioni diverse, ma anche elemento propulsore per un riscatto democratico della nostra realtà.

Acclamato segretario, Giovanni Tringali ha illustrato i punti programmatici del coordinamento, che ruotano intorno al modello di città che il Partito Democratico vuole realizzare: la modernizzazione della macchina amministrativa, che deve essere snella, efficiente e accessibile, la riqualificazione del territorio urbano, agricolo e costiero, la promozione di politiche sociali al servizio dei giovani e dei più deboli insieme ad un impegno forte per il rinnovamento culturale di Ispica. I lavori congressuali, seguiti da una nutrita folla di simpatizzanti e amici del “Kennedy”, sono stati anche l’occasione per richiedere la tessera del Partito Democratico, che da questa giornata esce più strutturato e più forte, in grado così di lavorare con maggiore determinazione al servizio degli ispicesi.

“La città che vogliamo”: il 7 dicembre Assemblea congressuale del circolo “Kennedy” per tesseramento ed elezione dei quadri dirigenti

Assemblea congressuale PD ispicaImportante appuntamento per il Partito democratico di Ispica e per il Circolo “Kennedy” lunedì 7 dicembre. Alle 18.00 nella Sala della Pizzeria Capriccio, in via Vittorio Veneto, terremo la 1^ Assemblea Congressuale. Ai lavori parteciperanno il segretario provinciale del Pd Giovanni Denaro, il presidente provinciale Mario D’Asta, il sindaco di Ispica Pierenzo Muraglie, il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Roccuzzo. Presente anche l’on. Nello Dipasquale, deputato all’Assemblea regionale siciliana. A fare gli onori di casa saranno Giovanni Tringali, nostro portavoce provvisorio, e Gianni Stornello, consigliere comunale del Pd, insieme ovviamente con tutti noi, promotrici e promotori del circolo. Nel corso dell’Assemblea, oltre all’inevitabile trattazione dei temi politici e amministrativi locali del momento, saranno eletti il Coordinamento e il segretario del nuovo circolo e sarà anche possibile prendere la tessera del Partito democratico. Quello di lunedì sarà il primo incontro pubblico organizzato dal Partito democratico dopo le elezioni amministrative di primavera, vinte dal candidato sindaco del Pd che è anche il partito di maggioranza relativa in Consiglio comunale.
In vista dell’Assemblea di lunedì, è stata diffusa una lettera-invito (che puoi scaricare da qui) ed è stato affisso un manifesto sui muri di Ispica.

Muraglie e le alleanze in vista del ballottaggio

Pierenzo Muraglie e la sua coalizione hanno scelto, abbiamo scelto, di non fare accordi in vista del ballottaggio del 14 e 15 giugno. È una scelta tanto rischiosa quanto coraggiosa. Estendere la coalizione di centro-sinistra avrebbe comportato un allargamento ad una parte, piccola o grande che fosse non importa, del passato che vogliamo relegare definitivamente alle nostre spalle. Nella scelta sono prevalse la logica e la coerenza politiche rispetto a quella dei numeri. E questo costituisce un grande gesto di lealtà nei confronti della città. Spesso si sono messe insieme coalizioni incoerenti che hanno vinto le elezioni e si sono spaccate sulle cose da fare, alle prime prove impegnative dell’azione amministrativa. Noi vogliamo governare e cambiare Ispica, tante volte offesa, umiliata, sacrificata da interessi che nulla hanno a che vedere col bene comune. C’è una squadra, che riconosce Pierenzo Muraglie suo leader. Volti di donne e uomini nuovi, impegnati nella politica, nel sociale, nelle professioni, nel mondo produttivo, espressione di una società civile che cerca il suo riscatto. Ispica premi questo atto di coerenza di coraggio, votando Muraglie al ballottaggio.

Dal blog di Gianni Stornello

“Le Primarie sono nulle: violato il Regolamento, hanno votato gli avversari del Pd”

lettera aperta primarie farsa ispica“Dimentichiamo le primarie-farsa e riprendiamoci il nostro Pd”. È il titolo di una lettera aperta agli iscritti e agli elettori del Partito democratico scritta da Gianni Stornello, candidato alle Primarie del Partito democratico del 21 dicembre. Stornello segnala una grave inosservanza del Regolamento delle Primarie “che imponeva a chi veniva a votare la firma di una dichiarazione di condivisione della proposta politica del partito, di impegno a votarlo alle Amministrative di primavera e di autorizzazione all’inserimento nell’Albo pubblico degli elettori del Pd”. Questa dichiarazione gli elettori delle Primarie non l’hanno firmata perché il Comitato organizzatore non l’ha predisposta, rendendo nulle le Primarie, visto che è stata indebitamente concessa facoltà di voto agli avversari del Pd, fra i quali anche consiglieri comunali. “Un fatto inaccettabile, grave e ridicolo”, secondo Stornello che spiega anche il motivo per il quale “il Comitato organizzatore delle Primarie non si è ancora riunito per convalidare il risultato: esso non è convalidabile perché le Primarie sono nulle”. Ma le denunce del candidato non finiscono qui. “Molti dei nostri elettori – continua Stornello – non hanno neppure votato perché sconcertati da quanto stava accadendo o perché esclusi dalla coda, gestita anche da personaggi stravisti nelle campagne elettorali del centro-destra. Le Primarie dovevano essere un giorno di festa per il Pd, anche grazie ai suoi nuovi elettori. Sono state invece lo strumento per ridicolizzare il Pd, rendendolo zona franca per inciuci e riciclaggi che mirano solo a continuare le politiche di sfascio politico ed amministrativo che sono sotto gli occhi di tutti. Per quanto accaduto abbiamo il dovere di chiedere scusa agli iscritti e ai nostri elettori veri e sinceri”, dice convinto Stornello che conclude la sua lettera aperta rivolgendo un appello agli altri due candidati alle Primarie: “Facciamo un passo indietro nell’interesse del partito, quello alternativo al centro-destra, che infonde e pratica la speranza nel cambiamento, che ha una sua proposta politica. Per il bene di Ispica che merita una Politica sana e pulita. Abbiamo ancora margini per ridare dignità al nostro Partito democratico e riprendercelo nell’interesse della città”.
Per approfondimenti www.giannistornello.it
Per leggere e scaricare la lettera aperta integrale clicca qui.
Per leggere e scaricare il Regolamento delle Primarie clicca qui.

Il PD deposita la proposta di deliberazione per la revoca del Prg, mentre la Regione torna a diffidare il Comune

Ispica mappa I consiglieri comunali del Partito Democratico di Ispica Pierenzo Muraglie e Giuseppe Roccuzzo hanno depositato stamattina la proposta di deliberazione con la quale si revoca l’adozione del Piano regolatore generale adottato il 28 Aprile del 2011. Viene così dato seguito all’intendimento manifestato nei giorni scorsi di risolvere in questo modo il conflitto fra Regione e Comune che oggi, peraltro, si arricchisce di una nuova diffida da parte della Regione che dà tempo quindici giorni al sindaco di pubblicare il Piano che è stato adottato, pena l’invio di un commissario ad acta. L’iniziativa del Pd mira a scongiurare il blocco dell’attività edilizia che sarebbe gravissimo per la già critica condizione dell’economia locale. Continua a leggere

L’Oasi degli anziani affidata ad un privato, Muraglie e Roccuzzo (Pd): delibera da ritirare, serve il bando

oasi degli anziani ispicaLa concessione a privati dell’Oasi degli anziani di Santa Maria del Focallo, data in comodato gratuito per sei anni ad una società, provoca la protesta dei consiglieri del Partito democratico, Pierenzo Muraglie e Giuseppe Roccuzzo, che definiscono l’iniziativa come “una nuova e grave privatizzazione di uno spazio pubblico”, chiedendo il ritiro della delibera e l’emissione di un bando per coinvolgere più privati e assicurare il ruolo pubblico dell’area. “Un’Amministrazione che si vede arrivare una richiesta di concessione di quell’area, non sappiamo fino a che punto spontanea o concordata, avrebbe dovuto – afferma Pierenzo Muraglie – verificare con un apposito bando se altri privati fossero stati interessati a sviluppare un progetto per una sua adeguata valorizzazione e poi vagliare le varie proposte e sceglierne una, la migliore, la più conveniente per il Comune, cioè per la collettività. Continua a leggere

“Troppo tardi per evitare il dissesto”: i consiglieri Pd non vedono margini per evitare il fallimento del Comune e accusano Pdl, Udc e Grande Sud di essere scappati dal Consiglio comunale

Troppo tardi per evitare il dissesto finanziario del Comune di Ispica. Lo affermano i consiglieri comunali del Partito Democratico Pierenzo Muraglie e Giuseppe Roccuzzo che, ribadendo la loro netta contrarietà al dissesto, sostengono come oggi sia inevitabile la dichiarazione di fallimento del Comune da attribuire esclusivamente alle politiche dissennate seguite in otto anni da centro-destra e dal suo sindaco.

“Stiamo parlando di un disastro annunciato che già nel 2010 noi paventammo – dichiara Pierenzo Muraglie – un disastro che si sarebbe potuto evitare se solo alle politiche di spreco si fosse preferita una sana austerità, orientando le risorse disponibili verso lo sviluppo, il lavoro, il territorio. Continua a leggere

Muraglie a Oddo: da che parte stai?

Pierenzo MuraglieDimissioni prive di vere motivazioni politiche e che mirano a creare confusione nell’attuale fase politica cittadina. Si esprime in questi termini il capogruppo del Partito Democratico Pierenzo Muraglie sulle dimissioni del presidente del Consiglio comunale Carmelo Oddo.

“Pensare di essere terzo – dichiara Muraglie – rispetto a chi sta dalla parte del sindaco e di chi chiede che il sindaco se ne vada è ipocritamente velleitario. Il gesto di Oddo – prosegue il capogruppo del Pd – si giustifica solo con la rinuncia alle pesanti responsabilità che la carica di presidente del Consiglio comunale comporta, ora che l’Amministrazione ha iniziato a scaricare sul Consiglio questioni spinosissime come i piani di lottizzazione e le determinazioni da assumere sull’abusivismo edilizio. Se l’ex presidente del Consiglio comunale continua a non dare motivazioni politicamente fondate alle sue dimissioni la sua sarà stata solo una fuga, dopo che i suoi stessi alleati lo hanno lasciato solo nell’ultima seduta consiliare, nella quale la coalizione che sostiene il sindaco non si è presentata. Oddo deve sapere che non possono esserci posizioni di mezzo: o sta col sindaco, e dovrà spiegarlo all’opinione pubblica che chiede a gran voce che si ponga fine ad un’esperienza amministrativa fallimentare, o vuole che Ispica volti pagina e quindi presenta la sua mozione di sfiducia. Il giochino di stare a guardare e salire sul carro in corsa non è tollerabile e crea solo confusione”.