Stornello intervistato da RDM su Congresso Pd e larghe intese ad Ispica

Il segretario cittadino del Partito democratico di Ispica, Gianni Stornello, è stato intervistato da Piero Giunta di Radio Dimensione Musica. L’unità del Pd dopo le note vicende legate al recente congresso, le “larghe intese” in città e la sfida fra Renzi, Cuperlo, Civati e Pittella i temi trattati.

“Il Pdl si comporta come chi uccide i genitori e poi chiede aiuto per essere rimasto orfano”

Gianni StornelloL’ultimo numero di Pensare il Domani, periodico vicino al Pd cittadino, provoca la reazione del Pdl che vede segni di contraddizione fra i contenuti del giornale, diretto da Gianni Stornello, e le posizioni del Partito democratico di cui lo stesso Stornello è segretario.

“Che i dirigenti del Pdl di Ispica – dichiara il segretario del Pd cittadino – non sappiano come funziona un giornale, anche piccolo piccolo come Pensare il Domani, è normale. Ma che utilizzino strumentalmente e in mala fede affermazioni altrui e facciano i conigli scappando dalle loro responsabilità è, come dire, politicamente non corretto. In un giornale il direttore condivide tutti gli articoli. A maggior ragione quelli che lui personalmente chiede per approfondire un argomento. Ho chiesto a Laura Incremona – precisa Stornello – un contributo che parlasse dell’esperienza di Comiso in dissesto, l’ho condiviso e l’ho pubblicato. Non è un caso che il direttore responsabile di Pensare il Domani sia anche segretario del Pd. Chi dovrei smentire? Il punto è un altro. Il Pdl si comporta come se il dissesto sia colpa del Pd. Ecco la mala fede. Non è che negli ultimi otto anni, ripeto otto anni, il sindaco e gli assessori sono stati del Pd, la maggioranza consiliare prona agli interessi del sindaco è stata del Pd, né fanno capo al Pd i conflitti di interesse che ruotano attorno agli espropri dei terreni che del dissesto sono la concausa. Per otto anni ci sono stati loro. Continua a leggere

“Troppo tardi per evitare il dissesto”: i consiglieri Pd non vedono margini per evitare il fallimento del Comune e accusano Pdl, Udc e Grande Sud di essere scappati dal Consiglio comunale

Troppo tardi per evitare il dissesto finanziario del Comune di Ispica. Lo affermano i consiglieri comunali del Partito Democratico Pierenzo Muraglie e Giuseppe Roccuzzo che, ribadendo la loro netta contrarietà al dissesto, sostengono come oggi sia inevitabile la dichiarazione di fallimento del Comune da attribuire esclusivamente alle politiche dissennate seguite in otto anni da centro-destra e dal suo sindaco.

“Stiamo parlando di un disastro annunciato che già nel 2010 noi paventammo – dichiara Pierenzo Muraglie – un disastro che si sarebbe potuto evitare se solo alle politiche di spreco si fosse preferita una sana austerità, orientando le risorse disponibili verso lo sviluppo, il lavoro, il territorio. Continua a leggere