“Fieri e orgogliosi di aver scritto una pagina nuova”

Siamo noi il cambiamento che l’Italia sta aspettando da troppi anni. Noi, con i nostri difetti e con le nostre potenzialità. Noi, con i nostri parlamentari e i nostri militanti. Noi, con i nostri sogni e i nostri progetti. Noi siamo l’Italia che cambia. Matteo Renzi scrive agli iscritti PD

Care democratiche, cari democratici,
nell’aprile 2013 le divisioni, le polemiche, le tensioni interne al Partito Democratico crearono le condizioni per la mancata elezione del Presidente della Repubblica. Solo un gesto di generosità di Giorgio Napolitano permise di uscire da una situazione di impasse molto dolorosa.

La settimana scorsa, grazie a un percorso di condivisione e ascolto, di confronto e dialogo, il PD si è dimostrato capace di cancellare quella brutta pagina e di indicare Sergio Mattarella come proprio candidato alle altre forze politiche.
Conoscete il risultato. In attesa del giuramento del nuovo Presidente – uomo rigoroso e autentico interprete dei valori costituzionali – vorrei che tutto il PD si sentisse fiero e orgoglioso di aver scritto una pagina nuova nella storia del nostro Paese.

Siamo noi il cambiamento che l’Italia sta aspettando da troppi anni. Noi, con i nostri difetti e con le nostre potenzialità. Noi, con i nostri parlamentari e i nostri militanti. Noi, con i nostri sogni e i nostri progetti. Noi siamo l’Italia che cambia. E dobbiamo esserne consapevoli e responsabili.

Il percorso delle riforme è impegnativo: Costituzione, legge elettorale, fisco, giustizia, pubblica amministrazione, terzo settore, diritti civili, ius soli, lavoro, libro bianco della difesa, Rai, cultura fino ad arrivare al grande tema della scuola e dell’educazione che sono per me il punto centrale del PD. Andiamo avanti con ancora maggiore determinazione. Forti del risultato sulla votazione del Presidente della Repubblica, certo. Forti dei primi segnali (ancora timidi) sulla ripresa economica, ovvio. Ma forti soprattutto della passione che anima tutte e tutti voi.

Siamo il PD, la più grande comunità politica europea. La più grande speranza della politica italiana. Guai a noi se ci tirassimo indietro o se abdicassimo davanti alle nostre responsabilità.
L’Italia ha bisogno della nostra energia e del nostro entusiasmo.

Un caro saluto,

Matteo

Perché non arrivano i commissari?

Ministero InternoAd oltre due mesi dalla presa d’atto del dissesto finanziario del Comune di Ispica non è stato ancora nominato l’Organo straordinario di liquidazione, in pratica i tre commissari che si dovranno occupare del risanamento delle finanze dell’ente. Per il segretario del Partito democratico Gianni Stornello il ritardo è ingiustificabile e dannoso per il Comune, visto che fra l’altro il Tar ha riconosciuto di non dovere concedere la sospensiva e di bloccare la procedura di dissesto, come l’Amministrazione aveva chiesto. Stornello esprime anche preoccupazione per il fatto che da un lato il Ministero degli Interni ritarda la predisposizione degli atti per la nomina dei commissari che dovrà fare il Presidente della Repubblica, dall’altro autorizza l’Amministrazione a utilizzare il fondo di circa sei milioni di euro per saldare i fornitori del Comune e che avrebbero dovuto gestire proprio i commissari. Il segretario del Partito democratico propone all’Amministrazione di rendere pubblici i criteri di utilizzo di queste somme e tutti i provvedimenti di liquidazione per fare partecipare la città che non va coinvolta solo al momento di riscuotere le tasse.

Continua a leggere